César

(Marsiglia, 1921 – Parigi, 1988)

Nome d’arte di César Baldaccini, scultore francese. Dopo gli studi, si trasferì a Parigi (1943), dove dimostrò presto nelle sue sculture una sua spiccata attenzione all’uso di materiali diversi (ferro e gesso, lamine di piombo, filo metallico saldato). Giunse nel 1958 al reimpiego di mezzi meccanici fuori uso, prima per dar forma a suggestive figurazioni, poi, grazie ad una potente pressa, ridotti a “compressione” tridimensionali di rottami grottescamente assemblati e sformati. Nell’ambito dell’uso inconsueto dei materiali della tecnologia contemporanea rientrano le “colate” di materiale plastico espanso, effettuate alla presenza del pubblico, come in un happening, o utilizzate come elementi plastici autonomi.

Nel 1992 apre il Museo César a Marsiglia.

Nel 1995 rappresenta la Francia alla Biennale di Venezia e nel 1997 la sua importante retrospettiva alla Galleria Nazionale del Jeu de Paume a Parigi.

cataloghi

personali

collettive

2015

IL DESTINO DELLE COSE, a cura di L. Meneghelli, La Giarina Arte Contemporanea, Verona